Jump to Navigation

Health Technology Assessment (HTA)

Con l'adozione del Decreto dell'Assessorato della Salute n. 2456/13, pubblicato sulla GURS parte l n.4 del 24/01/2014, sono state approvate le "Linee guida regionali per la diffusione delle metodologie HTA nei processi decisionali regionali e aziendali e prime disposizioni".

L'evoluzione del S.S.N., avvenuta in questo ultimo decennio, è stata caratterizzata da un sensibile processo di miglioramento della qualità delle prestazioni sanitarie erogate. Tale miglioramento si è realizzato grazie al contributo fornito dalla ricerca scientifica e dall'innovazione tecnologica delle apparecchiature biomedicali (Tecnologie Sanitarie) . Gli strumenti di diagnosi rivestono ormai un ruolo irrinunciabile ed indispensabile per il perseguimento del fine di tutela della salute, intesa come diritto del cittadino e interesse della collettività, che riveste anche un contenuto di carattere economico in quanto viene concretamente esplicitato e garantito in funzione delle risorse finanziarie disponibili e dipende strettamente dalla capacità di:

  • Organizzare;
  • Gestire
  • Monitorare

Per far fronte alla crescente complessità connessa alla gestione delle Tecnologie Sanitarie risulta, quindi, di fondamentale rilevanza individuare strumenti e metodologie in grado di fornire un effettivo supporto alla gestione, tenuto conto della progressiva contrazione e razionalizzazione delle risorse economiche disponibili e della rapida obsolescenza conseguente al continuo sviluppo tecnologico. L'esigenza di ottimizzare le risorse in funzione delle decisioni strategiche richiede, inoltre, che tali sistemi siano in grado di fornire una visione ampia ed esaustiva dei dati tecnici, economici e clinici relativi alle differenti tipologie di apparecchiature sanitarie.
La corretta valutazione delle Tecnologie Sanitarie nell'ambito aziendale non può assolutamente prescindere dall'apporto di diverse discipline, metodiche e procedure in grado di permettere un'accurata analisi delle possibili criticità esistenti, con particolare riguardo alle seguenti componenti:

  • sicurezza
  • effettiva efficacia ed affidabilità diagnostico - terapeutica degli strumenti ;
  • rischi per i pazienti e gli addetti.

In questo contesto I'Health Technology Assessment è uno strumento di valutazione multi-disciplinare che consente di dare una risposta operativa al divario tra le risorse d'innovazione tecnologica.

Le parole "Health Technology Assessment" (HTA), nell'espressione italiana significano "Valutazione delle Tecnologie Sanitarie". L'HTA è una metodologia dinamica a rapida evoluzione finalizzata ad assistere, supportare e consigliare chi ha il potere decisionale in ambito sanitario nella definizione delle scelte di politica sanitaria. Può essere visto come uno studio analitico proteso ad un approccio critico delle decisioni di politica sanitaria, realizzato sulla base delle evidenze. L'HTA mette in relazione diverse alternative le loro implicazioni a livello economico, sociale, politico, legale ed etico; l'obiettivo principale è quello di individuare trattamenti e interventi che portino il maggior beneficio ai pazienti (o ai cittadini in generale). Può identificare aree terapeutiche dove un investimento aggiuntivo è giustificato, ma anche individuare quelle dove i disinvestimenti sono auspicati. L'HTA è, infatti, uno strumento che aiuta a prevenire l'erogazione di prestazioni inefficaci, inappropriate o superflue, contenendo la spesa e migliorando la qualità complessiva dell'assistenza sanitaria. Se usato in modo appropriato I'HTA è in grado di eliminare tecnologie non sicure, inefficaci e dannose. Più in dettaglio, I'HTA riguarda i seguenti aspetti:

  • performance - la sensibilità e la specificità di alcuni test diagnostici, la conformità con le specifiche di fabbricazione, di affidabilità, di semplicità di utilizzo e di manutenzione;
  • sicurezza clinica - il giudizio sull'accettabilità di un rischio associato all'uso di una tecnologia in una particolare situazione;
  • efficacia - il beneficio che si ottiene sia utilizzando una tecnologia in ·relazione ad un preciso problema in 'condizioni  ideali' (efficacia clinica) sia in condizioni generali di routine (efficacia nella pratica);
  • economicità - i costi, le tariffe e le modalità di rimborso;
  • impatti sociali, legali, etici, politici - molte tecnologie sollevano questioni sociali, legali, etiche e politiche.

L'Azienda si propone un approccio di tipo manageriale e scientifico nella programmazione sanitaria, con riferimento alle acquisizioni di nuove tecnologie sanitarie ed il reengineering dei processi aziendali. Tale approccio si caratterizza per la ricerca della massima razionalità nelle decisioni, con il ricorso all'evidenza scientifica quale fondamentale supporto alle decisioni e alla ricerca di un consenso tra le diverse componenti aziendali:

  • clinico-sanitaria
  • tecnico-logistica
  • direzionale-amministrativa 

La metodologia HTA adottata, coerentemente con le Linee Guida Regionali - D.A.n. 2456/13 del 19/ 12/20 13 (allegato 1) - assicura un processo partecipato nella creazione di quelle evidenze che guidano decisioni complesse riguardo l'allocazione delle risorse secondo criteri di appropriatezza e di priorità.

Sono oggetto di valutazione, secondo quanto previsto dal presente atto, le nuove tecnologie aventi un costo di acquisizione superiore ad Euro 30.000 ,00, IVA esclusa, o comunque rientranti nelle soglie di competenza, come determinate dalla Linee Guida Regionali con esclusione dei farmaci fino al 31/12/2014.

Come stabilito dalle Linee Guida Regionali, i soggetti coinvolti nelle attività di valutazione delle tecnologie sanitarie sono:

Regione

  • il Servizio 9 - Valutazione delle tecnologie sanitarie;
  • il Nucleo Tecnico HTA (NTHTA) Regionale;

AOU

  • Referente aziendale HTA;
  • il  Team aziendale HTA;

Team interaziendali, che si istituiscono qualora alcune figure professiona li non siano presènti in una Azienda e includono professionisti di Az iende vicine o iscritti all'Albo regionale dei professionisti.

Referente aziendale HTA: Prof. CANCELLIERI Antonino


Così come previsto al punto 2.2.1 delle Linee Guida Regionali "D.A. n. 2456/13 del 19/12/2013" il Referente aziendale HTA:

  • Costituisce il collegamento intraregionale, cioè il contact point privilegiato per il Servizio 9 DASOE ed il NTHTA, per l'attuazione delle politiche, dei piani regionali di diffusione dell'HTA nonché per l'individuazione delle tecnologie innovative, candidabili alla valutazione;
  • Svolge la funzione di nodo aziendale per promuovere l'adozione delle metodologie e degli strumenti HTA nell'ambito delle strutture della propria Azienda, in stretta sinergia con la Direzione strategica ed, in ·particolare, con la Direzione sanitaria, che è supervisore dell'operato del Referente.

Il Referente aziendale viene affiancato da un team multidisciplinare, composto da figure professionali eterogenee, ciò sia per garantire un approccio multidisciplinare sia con l'obiettivo di capitalizzare il know-how presente nelle Aziende sanitarie siciliane e di far crescere e migliorare la capacità collaborativa di settore e della Rete regionale HTA.

Team aziendale HTA

Così come previsto al punto 2.2.2 delle Linee Guida Regionali "D.A. n. 2456/13 del 19/12/2013", i Team aziendali multidimensionali nascono con lo scopo di supportare il Referente HTA nell'attività di valutazione delle tecnologie sanitarie, attività da svolgere in stretta sinergia con la Direzione strategica aziendale.
Il Team aziendale HTA dell'AOU, come da indirizzo regionale comprende determinati profili professionali ed è così composto:

  • Dr. ARTEMISIA Antonio (Risk Manager)
  • Dr. VINCI Sergio (Radiologo)
  • Dr. IELO Isidora (Fisico)
  • Dr. INFERRERA Giuseppina (Farmacista)
  • Avv. NICOSIA Veronica (Provveditorato)
  • Ing. CALTAGIRONE Alessandro (Ingegnere Clinico)
  • Dr. FINOCCHIARO Lucia (Infermiera)

Il Servizio NTHTA ed i Referenti e Team aziendali HTA compongono la Rete regionale per l'HTA.

Le attività del Referente HTA e del Team Aziendale sono:

  1. selezione  delle  richieste  di  acquisizione  di  tecnologie  innovative  che  siano formulate in modo completo.
  2. eventuale richiesta di ulteriori informazioni necessarie al Team per l'emissione di un parere motivato;
  3. analisi delle richieste ricevute ed eventuale istituzione di gruppi di lavoro dedicati, composti dalle professionalità di volta in volta necessarie per la realizzazione delle analisi multidisciplinari HTA;
  4. verifica della sussistenza o meno di almeno 2 dei 4 valori soglia per cui la richiesta deve essere inoltrata al NTHTA regionale.
  5. filtraggio della documentazione al fine di selezionare le richieste da valutare e di escludere quelle non ritenute congrue;
  6. prioritizzazione delle richieste pervenute sulla base dei criteri prestabiliti;
  7. valutazione da parte del Team Aziendale completo dell'esito delle analisi effettuate dai gruppi di lavoro ed espressione collegiale dell'esito finale attraverso la produzione di un report di HTA da trasmettere alla Direzione Sanitaria Aziendale;
  8. collaborazione, nel rispetto dei singoli ambiti di competenza, con il Comitato Etico lnteraziendale della Provincia. di Messina (esempio: per i dispositivi medici in nell'ambito delle sperimentazioni); con il Comitato per il Buon uso del Sangue, con i Referenti per l'appropriatezza descrittiva e con i Referenti Responsabili in materia di ricerca applicata, dispositivi medici, formazione, ecc.; anche al fine della redazione dei report HTA;
  9. riunione periodica per la valutazione delle richieste pervenute, con espressione dei pareri motivati che dovranno assumere, di norma, le seguenti connotazioni
    1. parere favorevole - "suddivisione delle richieste oggetto di parere favorevole differenziate per forma di finanziamento, per livello di priorità, per struttura di destinazione, da presentare alle Direzioni Aziendali;
    2. parere in sospeso in attesa di valutazione HTA - "istituire gruppi di lavoro dedicati, composti dalle professionalità di volta in volta necessarie, per la realizzazione di analisi multidisciplinari HTA su richieste di carattere innovativo, i cui esiti saranno rendicontati alla successiva riunione della Commissione";
    3. parere non favorevole o parere in sospeso (in attesa di ricevere ulteriori chiarimenti o informazioni) - "comunicazione motivata del parere agli interessati ed alle Direzioni Aziendali per conoscenza, al fine di consentire il completamento della richiesta o la riproposizione in altra forma".

Le richieste non formulate sulla modulistica predisposta o con modulistica non adeguatamente compilata saranno scartate e non saranno oggetto di alcuna reportistica.

Team INTER-AZIENDALE HTA

Il Team interaziendale HTA ha il compito di valutare le tecnologie sanitarie ed in particolare le apparecchiature bio_medicali, i dispositivi medici, i farmaci, le procedure cliniche e i percorsi assistenziali e organizzativi nei quali viene erogata l'assistenza sanitaria, i programmi di prevenzione e i modelli organizzativi al fine di stabilire i vantaggi, le priorità d'acquisto ed il relativo impatto economico organizzativo in ambito sanitario.

ALLEGATI

 

 

 



Main menu 2