Jump to Navigation

Comunicati Stampa

Cardiologia Pediatrica: lunedì 17 l’inaugurazione del Master di II livello

Data Pub: 
14/11/2014

Promosso per il secondo anno dall’Università degli Studi di Messina e dal Centro Cardiologico Pediatrico Mediterraneo-“Bambino Gesù” di Taormina. Destinatari sono i medici specialisti in pediatria, cardiologia e neonatologia.

Parte anche quest’anno il Master di II livello in Cardiologia Pediatrica, organizzato per l’anno accademico 2014-2015 dall’Università degli Studi di Messina e dal Centro Cardiologico Pediatrico del Mediterraneo-“Bambino Gesù” di Taormina. Lunedì 17, alle 9, nell’aula magna del Dipartimento di Scienze Pediatriche dell’AOU “G. Martino”, ci sarà una cerimonia di inaugurazione per presentare il programma di quella che si è rivelata una iniziativa formativa di grande successo con richieste di iscrizioni provenienti da diverse regioni italiane, qualcuna anche dall’estero. All’incontro di lunedì interverranno, insieme a rappresentanti dell’Università, dell’AOU G. Martino e del Centro Cardiologico Pediatrico Mediterraneo, la prof. Maria Pia Calabrò, il prof. Ignazio Barberi, il prof. Carmelo Salpietro, il prof. Bruno Dallapiccola, il prof. Scipione Carerj, il prof. Giuseppe Oreto, la prof.ssa Eloisa Gitto e il dott. Paolo Guccione .  

L’intento è quello di offrire ai medici specialisti in Pediatria, Cardiologia e Neonatologia, una formazione completa in questo campo, sia sul fronte delle patologie congenite sia acquisite, favorendo la diffusione di un linguaggio comune tra gli specialisti che si occupano del trattamento dei pazienti e soprattutto creando solide basi per poter garantire ai piccoli pazienti siciliani un percorso assistenziale puntuale nel campo della cardiologia e della cardiochirurgia pediatrica.

Il percorso formativo è articolato in cinque settimane con una dozzina di ore al giorno, con lezioni frontali, seminari, giornate a tema su tutti gli aspetti riguardanti il settore cardiologico che concerne il neonato, il bambino, l’adolescente ma anche l’adulto, e soprattutto tirocini sul campo presso le UU.OO di Cardiologia Pediatrica e Terapia Intensiva Neonatale e Pediatrica del Policlinico Universitario di Messina e le UU.OO di Cardiologia Pediatrica, Terapia Intensiva Cardiologica Pediatrica e Cardiochirurgia del Centro Cardiologico Pediatrico Mediterraneo (Ospedale Pediatrico “Bambino Gesù”) di Taormina.

 

Comunicato stampa

Invito

Farmaci nei bambini: quando l’osservazione diretta fa la differenza

Data Pub: 
12/11/2014

Premiato uno studio di farmacologia clinica dell’AOU G. Martino che segnala le reazioni avverse nei reparti di pediatria

 

Sorveglianza attiva sui farmaci in pediatria. Una attività per molti versi nuova ma già consolidata nei reparti dell’AOU “G. Martino”, portata avanti per segnalare le “ADR”; termine tecnico con cui  - secondo la nuova definizione di reazione avversa stabilita dalla recente normativa europea - si identificano tutti quegli “effetti nocivi e non voluti conseguenti all’uso di un medicinale”

 Adesso i risultati più rilevanti dell’analisi eseguita ogni giorno sono emersi in uno studio (Adverse drug reactions causing children admission to the Emergency Department) presentato pochi giorni fa a Napoli durante il convegno della Società Italiana di Farmacologia dal titolo: “La farmacologia clinica tra impegno nella ricerca e ruolo nel Servizio Sanitario Nazionale”, tra l’altro premiato come migliore tra le comunicazioni prese in esame.

Il lavoro è frutto di un monitoraggio che inizia con gli accessi in pediatria medica d’urgenza e prosegue seguendo i diversi passaggi che i piccoli pazienti possono aver fatto nei reparti una volta ricoverati. Illustrato a Napoli dalla dott.ssa Anna Mecchio, lo studio è stato coordinato dalla prof.ssa Domenica Altavilla e rientra in un progetto multiregionale in cui la farmacologia clinica dell’AOU “G. Martino”, diretta dal prof. Caputi, è coinvolta insieme ad altri ospedali italiani.

L’analisi eseguita presso l’azienda ospedaliera universitaria ha tenuto in considerazione fino a questo momento un periodo di osservazione di 28 mesi; in questa fascia di tempo su 3.132 ricoveri i casi di ADR dimostrati sono stati 61, cioè l’1,9 % dei bambini.  

A raccogliere le informazioni è un operatore addestrato - in gergo chiamato monitor – che prima le  estrapola attraverso un questionario cartaceo standard e poi le registra su un supporto informatico. Un bagaglio di conoscenze che diventa una risorsa preziosa sia per gli operatori, che ricevono i report aggiornati con le indicazioni da adottare, sia per i farmacologi che possono approfondire i diversi aspetti fornendo, quando necessario, delucidazioni più appropriate. Dalla ricerca è emerso che tra le classi di farmaci in cui con maggiore frequenza si presentano le ADR vi sono gli antibiotici, gli antinfiammatori e quelli che agiscono sull’apparato respiratorio.

Con i dati raccolti nell’ambito di una sorveglianza attiva è possibile effettuare stime di rischio di ADR molto più affidabili di quelle derivanti dalle segnalazioni spontanee. Il monitoraggio intanto prosegue ed è in costante aggiornamento.

 

Comunicato stampa

Psoriasi: mercoledì 29 ottobre al Policlinico G. Martino per una informazione corretta

Data Pub: 
23/10/2014

Anche quest’anno l’UOC di Dermatologia dell’AOU G. Martino aderisce alla Giornata Mondiale della Psoriasi, un appuntamento ormai entrato nella tradizione e promosso a livello nazionale dall’ADIPSO (Associazione per la DIfesa degli PSOriasici). Mercoledì 29 ottobre, dalle 9 alle 17,00, al quarto piano del padiglione H, personale medico dedicato distribuirà opuscoli e fornirà chiarimenti su questa malattia e sulle strategie terapeutiche più moderne disponibili.

Giornata Mondiale Osteoporosi. Lunedì visite e informazioni

Data Pub: 
20/10/2014

Anche quest’anno, in occasione della giornata mondiale dell’osteoporosi, il centro per la prevenzione e terapia dell’osteoporosi dell’AOU G. Martino, diretto dal prof. Antonino Lasco, apre le sue porte per offrire alla cittadinanza informazioni e valutazioni cliniche.

Lunedì 20 ottobre presso il centro dell’UOSD di geriatria (pad B piano terra), dalle 14 alle 17,30 quanti lo desiderano potranno ricevere chiarimenti dai professionisti ed effettuare anche densitometrie ossee.

Terapia intensiva: il nuovo reparto “open” dedicato ai bambini

Data Pub: 
15/10/2014

Spazio all’umanizzazione e al contatto con i genitori  come forma di terapia

È un reparto aperto quello inaugurato ieri nel padiglione NI dell’AOU G. Martino. “Aperto” perché, pur trattandosi di un reparto ad alta intensità di cura, i genitori potranno stare accanto ai propri bambini. Una visione moderna che si inserisce in un processo di umanizzazione delle cure; è dimostrato infatti come la separazione dai propri cari rappresenti la maggiore fonte di stress per i bambini ospedalizzati e al tempo stesso per i genitori.

La terapia intensiva dedicata ai bambini e ai minori critici diretta dalla prof. ssa Eloisa Gitto è inserita all’interno della UOC guidata dal prof. Ignazio Barberi.

Ambiente accogliente per i piccoli pazienti in primis e anche per gli operatori, in un reparto in cui il colore è protagonista: arredi arancione, pavimento blu e un impianto predisposto, qualora lo si volesse, con cui poter diffondere anche la musica in sottofondo.  Per i genitori è stata prevista anche una possibilità di comunicazione audio video dall’esterno.

Spazi che sono stati rivisitati e riorganizzati anche alla luce di una analisi epidemiologica che ha visto negli ultimi anni questa realtà divenire un punto di riferimento per molti piccoli pazienti, la maggior parte provenienti da fuori città. Nell’ultimo triennio circa il 28% è arrivato dalla provincia di Messina, il 10% da Catania, un 12 %  dalla Sicilia Orientale e il 10 % dalla Calabria. Un indice di attrazione consolidato tra l’altro dalla presenza, all’interno dell’azienda ospedaliera universitaria, di più discipline multispecialistiche - come la neurochirurgia, la chirurgia pediatrica e la chirurgia maxillo facciale - che hanno un ruolo fondamentale nel processo diagnostico terapeutico di un  bambino critico.

Una realtà importante sul fronte assistenziale e al tempo stesso su quello didattico, dove futuri professionisti avranno la possibilità di formarsi sul campo. Un principio, importante, richiamato anche dal rettore, prof. Pietro Navarra, il quale ha ribadito come Università e Azienda Ospedaliera siano sulla stessa linea, orientate nel portare avanti un percorso di crescita comune e condiviso.

Terapia Intensiva: Martedì l’apertura del nuovo reparto dedicato ai bambini

Data Pub: 
10/10/2014

Saranno inaugurati martedì 14 ottobre alle 16 i locali della nuova terapia intensiva dedicata ai bambini e ai minori critici, al quarto piano del padiglione NI dell’AOU G. Martino. 

Un reparto “aperto” quello diretto dalla prof. ssa Eloisa Gitto e inserito all’interno della UOC guidata dal prof. Ignazio Barberi.

 “Aperto” perché, pur trattandosi di un reparto ad alta intensità di cura, i genitori potranno stare vicino ai propri bambini, in linea con una visione moderna di umanizzazione delle cure.

Il taglio del nastro sarà preceduto da un breve momento di incontro aperto al pubblico e a tutti i professionisti, durante il quale verrà analizzato il ruolo e la storia di una terapia intensiva che viene incontro alle esigenze della popolazione  e che è al tempo stesso la quarta realtà presente da Napoli in giù.

Pagine

Iscriviti a RSS - Comunicati Stampa


Main menu 2