Jump to Navigation

In Evidenza - Campagna Antinfluenzale 2013/2014

Difenditi dall' influenza - Vaccinati !!! - La Vaccinazione è per tutti

L'influenza costituisce un importante problema di Sanità Pubblica a causa dell'elevato numero di casi che si verificano in ogni stagione. La vaccinazione rappresenta il metodo più efficace e sicuro per prevenire la malattia e le sue complicanze.

Per saperne di più consulta la pagina della Campagna Antinfluenzale 2013/2014 sul sito dell' Assessorato alla Salute della Regione Siciliana.

Tutti gli Operatori Sanitari e non Sanitari della A.O.U. G. Martino possono effettuare la vaccinazione presso l' U.O.C. di Igiene Ospedaliera ( Pad. G. Torre biologica - 3° piano ) dal lunedì al sabato dalle 8,30 alle 12,00.

 



Avviso agli Utenti - Servizio CUP Centralizzato

Dal 13 maggio è stato attivato il nuovo servizio CUP centralizzato. Per le prenotazioni è necessario contattare il numero verde: 800332277, abilitato per le chiamate da rete fissa. Per le chiamate da cellulari è attivo il numero 0941-536681. Il costo della telefonata si differenzia in base al gestore telefonico di riferimento.

 



Questionario Bilancio sociale di mandato

Per la prima volta nel 2013 l’AOU “G. Martino” ha scelto di redigere il bilancio sociale di mandato (visualizza bilancio).  Si tratta di un documento di rendicontazione sociale, di comunicazione e di governance nato dalla consapevolezza che una Azienda Sanitaria  debba sempre “render conto” delle azioni compiute, illustrandole in modo efficace ed immediato. È un’esperienza che contiamo di ripetere, ma che di certo può essere migliorata con il tuo contributo.
Esprimi qui la tua valutazione; le informazioni che ci fornirai saranno utili per la stesura della prossima edizione. Grazie per la collaborazione. 

 



Polime Nido: Aperte le iscrizioni per il nuovo anno


Sono aperte le iscrizioni al Polime Nido, il micro nido aziendale dell’AOU G. Martino che ha ripreso le sue attività dall' 1 Settembre. (Visualizza informazioni)

 

Donazione di Organi: Il 23 settembre il papà di Nicholas Green torna al policlinico di Messina

Data Pub: 
16-09-2014

Reg Green in questi giorni in visita in Italia per ricordare il figlio. A Messina, unica tappa siciliana,  per testimoniare l’ “effetto Nicholas”


Sono passati vent’ anni da quando Nicholas Green, il bimbo americano di sette anni, in vacanza con la famiglia nel 94, rimase vittima di un brutale incidente sulla Salerno Reggio Calabria.

Martedì 23 settembre il padre, Reginald Green, torna al policlinico di Messina, in cui tutto ha avuto fine e al tempo stesso inizio e dove venne eseguito il prelievo di organi che ha dato nuova speranza a sette persone. 

A partire dalle 10 il palazzo dei congressi dell’AOU G. Martino ospiterà un incontro - aperto al pubblico e ai giornalisti  - dal titolo “L’effetto Nicholas”. La donazione di organi nei tuoi pensieri  , promosso per alimentare una cultura consapevole su tale argomento.   

Quella nella città dello stretto è l’unica tappa siciliana di un tour che vede il Sig. Green in questi giorni in giro per l’Italia per ricordare il figlio e per continuare a testimoniare che di donazione di organi si deve parlare.

Una giornata, il 23, durante la quale il tema della donazione e dei trapianti sarà analizzato sotto più punti di vista: dalla realtà regionale con il ruolo dei diversi attori che, a livello centrale e locale, entrano in campo, fino alle esperienze dirette di chi ha donato, di chi ha ricevuto e oggi vive perché qualcuno, come Nicholas,  è stato così generoso.

[ Visualizza Programma ]
[ Visualizza Locandina ]

Studio Italiano. Scoperte cellule immunitarie natural killers: aiutano il tumore a crescere

Data Pub: 
12/09/2014

L’Università di Messina protagonista della ricerca

Sono cellule immunitarie ma invece di assolvere alla loro tradizionale missione di proteggerci, aiutano il tumore ai polmoni a svilupparsi.

È uno studio tutto italiano portato avanti da un gruppo di scienziati e in cui l’Università di Messina  è protagonista con il prof. Guido Ferlazzo.

Le hanno chiamate 'Tink': un sotto-gruppo delle cellule "natural killers" che hanno il compito di riconoscere in maniera spontanea i tumori, per poi eliminarli. I ricercatori, però, hanno scoperto che i tumori e il microambiente che li circonda "sono in grado di ri-programmare queste cellule, in modo da favorire la propria crescita attraverso l'induzione dell' angiogenesi": in pratica costringono il corpo a sintetizzare nuovi vasi sanguigni, che nutrono il cancro e lo fanno crescere.

Finanziato dall’Associazione Italiana per la ricerca sul cancro (Airc), lo studio è stato pubblicato sul prestigioso journal of the National Cancer Institute (Jnci), la più citata rivista internazionale di oncologia medica e traslazionale.

Comitato Consultivo Aziendale AOU G. Martino: Incontro con i vertici

Data Pub: 
12/09/2014

Un incontro cordiale, improntato fin dall’inizio su una  fattiva collaborazione, quello tra i vertici del Policlinico Universitario "G. Martino" di Messina e il nuovo comitato consultivo aziendale ( CCA).  


Il direttore generale dott. Marco Restuccia, il direttore Sanitario dott.ssa Giovanna Volo e il Direttore Amministrativo dott. Giuseppe Laganga, hanno ricevuto il nuovo Presidente della Consulta, l’ avv. Salvatore Vernaci, il vice Presidente dott.ssa Alessandra Barbaro e il segretario del Comitato Giuseppe Abate.
 

Disponibilità e grande apertura quella manifestata dal manager dell’AOU che si è detto pronto a lavorare in sinergia, attribuendo rilevante importanza ai temi del miglioramento della comunicazione con i cittadini, per i quali il CCA rappresenta la voce per poter partecipare alla gestione della salute. I cittadini devono conoscere le caratteristiche dei servizi offerti dall’Ospedale, possono dare suggerimenti per migliorare la gestione dei servizi e,  attraverso il CCA, verificare la funzionalità dei reparti per formulare proposte e superare eventuali criticità.

AOU G. Martino: La dott.ssa Giovanna Volo è il nuovo direttore sanitario

Data Pub: 
08/09/2014

Foto Dott.ssa Giovanna VoloLa dott.ssa Giovanna Volo è il nuovo direttore sanitario del policlinico universitario di Messina.

59 anni, nata a Caltanissetta, il suo è un “ritorno” in una realtà universitaria ospedaliera dove si è insediata oggi.

Rientro in una azienda universitaria ospedaliera con immenso piacere – ha detto la dott.ssa Volo – sono onorata per aver ricevuto questo incarico e mi riprometto di assolverlo nel migliore dei modi. Ritengo infatti che un contesto come un policlinico universitario, dove l’assistenza si fonde con la ricerca e la didattica, rappresenti una opportunità straordinaria che può solo contribuire a dare un valore aggiunto al nostro mestiere di medici; ancor più visto che vi è il costante confronto con le giovani generazioni”.

Laurea in medicina, si è specializzata in ematologia clinica e in igiene e sanità pubblica; ha inoltre conseguito il diploma del 1 e 2 corso C.OR.GE.SAN. della SDA Bocconi di Milano.

Dopo la direzione ricoperta nel 97 presso l’IRCCS Oasi Maria SS di Troina, la dott.ssa Volo a 40 anni diventa direttore sanitario del policlinico Paolo Giaccone di Palermo dove rimane per quattro anni. Sette sono, invece, quelli trascorsi all’Ospedale Civico del capoluogo, per poi approdare nel 2009 all’Asp di Enna.

Dal 99 è professore a contratto  di “Programmazione, Organizzazione e Valutazione dei Servizi in ambito ospedaliero” presso la scuola di specializzazione in Igiene e Medicina Preventiva della facoltà di medicina dell’Università di Palermo. 

Con la nomina della dott.ssa Volo  -  ha sottolineato il direttore generale dott. Marco Restuccia - si completa l’assetto direzionale dell’AOU “G. Martino”. Una scelta motivata, anche in questa circostanza,  dalla riconosciuta professionalità e dalle qualificate esperienze che il nuovo direttore sanitario  ha acquisito sul campo. Competenze fondamentali che ci permettono di proseguire a pieno regime lungo il nostro percorso”.

Angioplastica coronarica nell’infarto:una costante attenzione alla funzionalità renale

Data Pub: 
09/09/2014

Pubblicati sulla prestigiosa rivista “Circulation” i risultati di uno  studio condotto dal dott. Andò

 

Ha già da tempo un riscontro importante sul piano assistenziale lo studio condotto dal dott. Giuseppe Andò, cardiologo interventista dell’AOU G. Martino e ricercatore universitario, pubblicato di recente su “Circulation” – Cardiovascular Interventions, tra le più prestigiose riviste mondiali di cardiologia interventistica.

Insufficienza renale acuta nei pazienti sottoposti ad angioplastica coronarica per infarto, questo il tema centrale di un lavoro iniziato già cinque anni fa.

Ogni giorno sono numerosi i pazienti colpiti da infarto che in tempi brevi devono essere sottoposti ad angiplastica coronaria, procedura necessaria per liberare le arterie del cuore dalle ostruzioni e che prevede l’utilizzo del mezzo di contrasto. L’insorgere di problemi ai reni in soggetti sottoposti a questo tipo di esami è sempre stata frequente, tanto da spingere i ricercatori a voler capire quali siano i soggetti più a rischio e perché. Un progetto di studio condiviso con un giovane specializzando, il dott. Morabito, oggi cardiologo professionista in un’altra struttura.

Distrofia di Duchenne. Una proteina apre nuove scenari terapeutici

Data Pub: 
09/09/2014

Si accendono nuove speranze per i malati di distrofia muscolare di Duchenne (DMD), una patologia muscolare genetica, causa di perdita della funzionalità muscolare.

È stato pubblicato su Nature Medicine, una delle più prestigiose riviste scientifiche al mondo, uno studio multicentrico internazionale nato da una osservazione di neurologi del Dipartimento di Neuroscienze dell’Azienda Ospedaliera Universitaria di Messina.

La DMD è causata da alterazioni in un gene localizzato nel cromosoma X che produce una proteina chiamata distrofina. Lo studio, focalizzato su una particolare forma della proteina, potrebbe offrire un nuovo approccio terapeutico per alcuni pazienti DMD.

Il team di ricerca, coordinato dal dott. Kevin Flanigan del The Research Institute at Nationwide Children’s Hospital, Columbus, Ohio, ha incluso anche ricercatori svedesi, australiani e italiani.

Spiegano il prof. Giuseppe Vita e la dott.ssa Sonia Messina, direttore clinico del Nemo Sud, tra gli autori dello studio insieme ai colleghi dell’Università di Ferrara: «La distrofina svolge un ruolo primario nella stabilizzazione della membrana delle fibre muscolari. Senza una quantità sufficiente di proteina, le fibre durante la contrazione sono particolarmente suscettibili al danno. Nel corso del tempo esse degenerano e vengono lentamente sostituite da grasso e tessuto connettivo”.

Iscriviti a Azienda Ospedaliera Universitaria Policlinico "G. Martino" - Messina RSS


Main menu 2